Con la sua voce ed il suo atteggiamento, Barbara Munjas ha sempre conquistato il pubblico che la segue dai suoi inizi e che ora ha l’opportunità di connettersi direttamente con la cantante durante le sue apparizioni pubbliche.

Dopo le sue esibizioni da solista a Pola, Solino, Sebenico, Knin e Montenegro, abbiamo parlato con Barbara per confrontare le sue esibizioni da solista con i concerti di gruppo.

DEDIZIONE ALLE EMOZIONI

– Ho sempre suonato nelle band, ed è stato un po’ strano suonare da sola sul palcoscenico, ma tutto era sotto controllo. Qualche sbaglio può accadere, ma con il pubblico si continua ad andare avanti. Non mi posso nascondere dietro gli altri membri della band. Ho la sensazione di essere ora in qualche altro modo collegata al pubblico. Penso sempre che il pubblico si aspetta che io sia selvaggia e che dirò un paio di battute, ma io non sono più così. Mi collego al pubblico con qualche altro filo, qualche altra emozione e attraverso le canzoni. Sono più dedicata all’emozione che sto cercando di trasmettere in quel momento. Ogni fase sul palco è una sorta di test. Non sai mai cosa ti porterà il momento. Non deve andare tutto secondo il piano. Ci può sempre essere una sorta di situazione spontanea ed il test sta nel come reagirai ad esso.

INIZIO DOPO LA FINE

– Ogni fine è l’inizio di qualcosa di nuovo. Non si può rimanere sempre sulla stessa cosa. Almeno io la penso in questo modo. Inoltre, non è possibile svolgere vari progetti contemporaneamente. Sono una persona che deve concentrarsi su una cosa per farlo funzionare correttamente. Prima un po’ dipingevo, poi un po’ scrivevo, poi’ avrei cantato con i Barbari, quindi saltavo da un progetto all’altro. Tutto era superficiale e non si può avere l’energia per fare tutto.

FAI SOLO COSA TI PIACE

– È facile essere tutto ciò che ami. Non ho mai fatto nella mia vita quello che non mi piace fare. Faccio quello che mi piace ed è per questo che sono sempre di buon umore e una migliore compagnia per l’ambiente. Ci sono sempre momenti difficili e ovviamente ti toccano perché siamo tutti degli umani. Dovreste sempre usare i momenti difficili e metterli in una canzone o fare qualcosa di buono a riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *