Oggi appaiono sempre più spesso i problemi del sistema muscolo-scheletrico sia tra gli anziani che tra le persone molto giovani. Ci avete mai pensato che potete utilizzare le proprie cellule staminali come cura? Con l’aiuto di Eduard Rod, medico ortopedico dell’Ospedale Speciale Sv. Katarina, abbiamo scoperto che cos’è la medicina rigenerativa personalizzata e come si applica nelle procedure di trattamento di varie lesioni corporali.

MEDICINA RIGENERATIVA PERSONALIZZATA

– La medicina rigenerativa personalizzata è una nuova area di medicina specificamente rivolta alle capacità rigenerative di ogni singolo paziente. Tale concetto implica l’uso di cellule staminali o prodotti cellulari ai fini del trattamento. La medicina rigenerativa cerca modi per sostenere, stimolare e migliorare la capacità intrinseca di rigenerazione e la riparazione del corpo, è la disciplina clinica che si occupa del trattamento delle malattie e delle lesioni del sistema muscolo-scheletrico ed è una delle aree principali di applicazione della medicina rigenerativa.

RIPARAZIONE VS. RIGENERAZIONE

– Il corpo umano di per sé ha una straordinaria capacità di rigenerazione e una capacità di rigenerazione un po’ più povera. A differenza della riparazione in cui il tessuto danneggiato è fissato dal tessuto connettivo, il tessuto di rigenerazione viene sostituito dalle stesse cellule funzionali. La capacità di rigenerazione dipende dall’attività delle cellule staminali, che possono essere trasformate in cellule diverse da determinate influenze biologiche e contemporaneamente mantenere la riserva di cellule staminali native. Ci sono diversi problemi chiave relativi. Il primo è dove si trovano, e il secondo è quante ci sono ed il terzo è quanto sono vitali.

CELLULE STAMINALI

– Le cellule staminali si possono trovare in quasi tutti i tessuti di un uomo adulto, ma alcune cellule staminali dei tessuti arricchiti e, purtroppo, il loro numero e la vitalità diminuisce con l’età. Il midollo osseo ed il tessuto adiposo sono attualmente utilizzati come la più importante fonte di cellule staminali nell’ortopedia rigenerativa. Ci sono molti benefici significativi se si utilizza il tessuto adiposo rispetto al midollo osseo. Il tessuto fibroso contiene da 500 a 1000 volte più cellule staminali, la loro vitalità non diminuisce con l’invecchiamento ed il processo di raccolta è significativamente più semplice e indolore.

APPLICAZIONE DI CELLULA STAMINALE METAHENALE AUTOLOGA

– Nell’ Ospedale Speciale Sv. Katarina dal 2015 viene utilizzata l’applicazione della procedura terapeutica delle cellule staminali mesenchimali autologhe ottenute dal tessuto adiposo (Ad-MSC) usando il sistema Lipogems® per il trattamento di cartilagine degenerative. I risultati di recenti studi scientifici, compreso il nostro, indicano una notevole capacità rigenerativa dei bioaspirativi Lipogems®, che hanno tre possibili effetti: rigenerante, anti-infiammatorio e antibatterico. La tecnologia Lipogems® è un sistema completamente chiuso che asetticamente garantendo assunzione, il lavaggio, l’elaborazione e il reinserimento del tessuto grasso del paziente, e quindi la coltura cellulare convenzionale. I pazienti coinvolti nella procedura di diagnostica con precisione sulla base di un esame clinico, hanno completato un questionario specifico sul dolore e la funzione fisica e l’applicazione della risonanza magnetica e registrazione a raggi X. La procedura inizia in cui l’infiltrazione è lidocaina con adrenalina viene iniettato insieme nel tessuto adiposo sottocutaneo della parete addominale, seguita da aspirazione del tessuto adiposo. In un sistema chiuso, la lipoaspirazione ottenuta viene elaborata utilizzando una leggera forza meccanica e passata attraverso una serie di filtri. Il prodotto finale contenente un derivato del tessuto adiposo, frazioni stromali vascolari e cellule staminali mesenchimali del tessuto adiposo (Ad-MSC) che viene somministrato nel modo intra-articolare nel giunto o nell’articolazioni di un paziente con alterazioni degenerative della cartilagine. Durante la preparazione del paziente la procedura è stata resa più piccola prima dell’intervento chirurgico. Il paziente arriva all’ Ospedale Speciale Sv. Katarina il giorno dell’intervento. Ci vuole circa 1 ora. Al completamento della procedura il paziente rimane in ospedale per 2 o 3 ore. Per i primi 3-5 giorni, è necessario utilizzare il busto intorno all’addome. Nel mese che segue, è necessario aderire alle raccomandazioni per la terapia fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *