Tutti gli appassionati di combattimenti pesanti hanno una serata dove li si apriranno forte gli occhi, le vene saranno tese e si susciterà una forte adrenalina da tifoso per la vincita del proprio combattente preferito.

Vinkuran è la sede dello spettacolare Cave Romane Fight Night, dove, accanto ad Andi Vrtačić, Toni Mikelić, Daniela Bažant, Salahudin Šuke e Moris Macuka dal club TrojanFreefighters di Pola, si presenteranno Yves Wiedmer, Mladen Kujundžić, Igor Kuzmanović, Anđelko Kitić, Vasile Sevastianu, Srđan Šućur, Andrej Štefanac, Andrej „AK47“ Kedveš, Vukašin Stupar. Kristian Nevistić, Dragan Cimeša, Ivan Lukšić, Vitor Tadeu, Luka Fajdetić e Ilija Brkan.

Abbiamo parlato con Zelg Galešić riguardo all’evento pieno di entusiasmo che il 6 luglio si svolge nelle Cave Romane a Vinkuran.

OTTIMA SOLUZIONE

– Il Cave Romane Fight Night 2018 è il primo ad essere ambientato nel luogo originariamente immaginativo. Nel 2017, non abbiamo avuto fortuna con il tempo e abbiamo dovuto spostare l’evento in un altro luogo. La posizione ci è stata suggerita dai capi del Comune di Medulino e penso che sia proprio un ottima soluzione. Sarà uno dei palcoscenici più attraenti su cui abbiamo mai visto dei combattimenti sul nostro territori.

QUESTO GIOCO È COSÌ

– Il Trojan ha i suoi 5 rappresentanti e tutti sono in movimento per la qualità. Cerco sempre di trovare ai ragazzi degli avversari in modo da farli crescere per quanto riguarda la qualità, ma a volte questo ci dei brutti colpi. Ma questo gioco è così e non si bisogna accettare la sconfitta.

LOTTA PIÙ INTERESSANTE DELLA SERATA

– Andi Vrtačić ha un grande impegno, ma ha avuto scontri più difficili e per questo ho pianamente fiducia in lui. Yves Wiedmer, una star svizzera di K1 lotta, ma Andi ha il movimento ed un arsenale di pugni che lo Svizzero non solo non ha mai visto, ma non sapeva nemmeno che esistessero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *